Hai un rapporto di fiducia con la tua banca?

euro-447209__180Molti correntisti hanno un rapporto di fiducia tale con la propria banca che non impiegano il proprio tempo a rileggere i contratti stipulati, anche per via della complessità dei documenti rilasciati, dei caratteri incredibilmente minuscoli, della difficoltà di interpretazione, della poca pratica con il linguaggio legale-bancario delle condizioni generali. Insomma, si fidano. Invece, il meccanismo di frode ai danni dei correntisti che gli istituti di credito sono soliti operare è tecnica ormai rodata. Tutto parte dalla necessità delle banche di rifilare ai propri clienti ogni genere di prodotto: polizze assicurative, derivati, azioni, obbligazioni, soprattutto all’apertura di un mutuo, un fido, un leasing. Ogni pretesto è buono per vendere prodotti bancari, contravvenendo allo spirito proprio degli istituti di credito che dovrebbe essere innanzitutto la raccolta del risparmio e l’erogazione del credito. Le cause avviate da molti imprenditori nei confronti degli istituti di credito sono in continuo aumento.

assembly-684142_640Nel 2012, al tribunale di Milano, sono state presentate 180 cause contro le banche, nel 2013 sono salite a 1.860 e il trend sembra aumentare ogni anno.

Si può fare causa? Sì. Secondo la giurisprudenza, tutti i costi dei servizi aggiuntivi imposti dalle banche ai clienti si sommano agli interessi praticati col mutuo, per esempio. Risultato: se il totale delle varie polizze, unite ai tassi corrispettivi o moratori, raggiunge la soglia dell’usura, si può andare dal giudice e chiedere di non pagare gli interessi. Ma state attenti e rivolgetevi a dei professionisti: c’è anche il business della difesa del cittadino da cui difendersi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *