LA STAMPA : TASSI USURARI RADDOPPIATI I CONTENZIOSI ARTICOLO VERGOGNA PRO BANCA

C224e SOS UTENTI-20160530120847

Firmata Andrea Malaguti

La stampa parte con un’articolo che tutto il sapore di comprendere per quale motivo molti cittadini fanno causa alle banche .

Irregolarità e tassi usurari raddoppiati i contenziosi tra i clienti e le banche

Dopo un bla bla bla e numeri arriviamo al sodo,società e associazioni che approfittando della situazione economica disperata fanno false promesse allo scopo di vendere una perizia o false promesse .

L’opinione del Presidente D.E.C.I.BA Gaetano Vilnò

www.deciba.it

Siamo alle solite, i giornali delle lobby parlano di banche. Quando si pecca di oggettività, evidenziano solo fatti negativi, l’articolo diventa strumentale. Leggendo si comprende immediatamente l’intenzione di creare dubbi nel consumatore e persuadere le persone a rinunciare a lottare per i proprio diritti.
Un giornalista serio dovrebbe essere equo. Le società e associazioni menzionate non sono a mio parere le protagoniste di risultati importanti. Quando per la prima volta a Padova abbiamo sospeso l’asta giudiziaria per usura bancaria abbiamo fatto fatica ad avere l’attenzione per 10 secondi da parte della RAI.

RAI DEDICA SOLO 10 SECONDI A QUESTA NOTIZIA E NESSUNO PARLA

La realtà non è quella descritta dal giornalista, per fortuna in Italia ci sono tanti professionisti seri che ottengono ogni giorno grandi risultati. Ormai anche i giornali di regime dovrebbero comprendere l’andamento evolutivo dei fatti. La politica è un chiaro esempio di come giornali, televisioni, radio, abbiano per lungo tempo taciuto l’importanza che stava acquisendo Grillo, nonchè le sue ideologie, ed oggi è al Governo con risultati eclatanti. Questo vuole essere solo un esempio, ma la verità è che alcune cose saranno decise dal popolo e di conseguenza, successivamente la Legge farà il suo percorso per plasmarsi al volere della gente.

IL PRESIDENTE TUONA CONTRO LE BANCHE

L’articolo dovrebbe riportare anche le migliaia di sentenze ottenute e menzionare i bravi professionisti Italiani che hanno conseguito il risultato, questo sarebbe equità. Non esiste mestiere senza approfittatori, il web aiuta a ricercare tutte le informazioni utili per distinguere i professionisti seri da quelli meno seri. Ritengo che in Italia ci siano persone serie che svolgono il loro lavoro con coscienza e moralità, purtroppo alcuni vogliono essere Leader, insegnare, e a volte imporre idee, per ottenere un’evoluzione significativa sarebbe invece meglio condividere, ma per questo dovremmo ancora attendere, attendere che il punto di vista di ognuno di noi si evolva.
Difficilmente mi sono espresso a sfavore di società, associazioni, professionisti che millantano grandi capacità, preferiamo parlare di risultati. Chi dedica tempo allo scopo di denigrare altri non ha la mia stima, ritengo che se qualcuno ha ricevuto un danno ingiusto la Legge debba fare il suo percorso, i tribunali mediatici non sono utili a nessuno.
Dobbiamo essere seri e professionali, fare causa alla Banca vuol dire fare decidere ad un giudice ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, vi è sempre un alea, seppur piccola, non esistono cause già decise. Sicuramente aver chiaro i fatti e la materia del contendere può consentire di consigliare con cognizione di causa l’opportunità del procedimento, senza proporre liti temerarie.
La responsabilità della scelta del professionista è esclusiva al cliente, se poi si ritiene di aver ricevuto una truffa si va da carabinieri e si fa una denuncia. Personalmente ho rifiutato molti clienti sommersi dai dubbi dove chiedevano certezze di giudizio, ritengo sia poco serio darle. Fortunatamente questa prudenza e trasparenza ci ha fatto ottenere molti risultati positivi, questo argomento è serio e cambia radicalmente la vita economica di aziende e famiglie, è giusto che ognuno si assuma le proprie responsabilità, il cliente come il professionista.
Qualche giorno fa arrivò nel mio studio un cliente portandomi in visione una perizia econometrica comprata da un Idraulico che collaborava con una società commerciale, detto questo .. la prima cosa che mi venne spontanea pensare quanto il buon senso, talvolta latente, stia alla base di tutto. Per quanto riguarda gli speculatori accertati, la mia opinione è chiara, devono pagarne le conseguenze legali. Concludendo, l’articolo è strumentale e non menziona risultati positivi, tantomeno l’esistenza di professionisti seri, contrariamente induce alla paura e all’incertezza, ritengo che le Banche abbiano fin troppo potere senza l’applicazione di favoritismi, mettere ulteriori dubbi è deleterio per tutti. Controllate la vostra banca e chiedete che vostri diritti trovino applicazione, questo è giusto, punto.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *